06.06.2018

Mostra

Josef Sudek – Topografia delle macerie – Praga 1945

Palazzo Reale 

h 9:30 - 19:30

La Milano PhotoWeek rende omaggio alla città di Praga con due mostre fotografiche che rivelano l’atmosfera della loro epoca e testimoniano di vicende che sono imprescindibilmente parte della storia dell’Europa del 20° secolo. La mostra che include i due cicli fotografici intitolata “Da una primavera all’altra”, riunisce due primavere. La liberazione che ha avuto luogo nel maggio 1945, il periodo in cui Sudek ha realizzato i suoi scatti, e la Primavera di Praga, che porta questo nome in ricordo del breve periodo in cui è tornata la tanto desiderata democrazia poi interrotta e soffocata nell’agosto 1968 con l’arrivo delle truppe del Patto di Varsavia.

Subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, nel 1945, Josef Sudek (1896 – 1976), fotografo ceco di fama mondiale del XX secolo, andò nelle strade di Praga per documentare i danni che la guerra aveva causato nella città. Ciò dette origine ad una insolita collezione di quasi quattrocento immagini, documentarie ed artistiche, che catturano edifici distrutti, sculture disarmate e sistemi di protezione antincendio ed antiaerei. Le immagini rivelano il doloroso passato della città, oggi perlopiù sconosciuto, attraverso lo sguardo sensibile di Sudek, emotivamente legato alla “propria” città e, quindi, capace di catturare la sua poetica nascosta. La mostra nasce da una collezione di negativi preservati presso l’Istituto di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca a Praga. La mostra presenta quaranta immagini inedite, sotto forma di nuovi ingrandimenti. Una mostra Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale in collaborazione con il Centro Ceco di Milano e Expowall. A cura dell’Istituto di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca a Praga.

Piazza del Duomo, 12
Visita il sito di Palazzo Reale

Mostra aperta dal 5 Giugno al 1 Luglio. Orari: lunedì 14:30 – 19:30/ martedì, mercoledì, venerdì, domenica 9:30 – 19:30 / giovedì, sabato 9:30 – 22:30
Ingresso libero