10.06.2018

Mostra

La primavera di Praga 1968-’69

Palazzo Reale

h 9:30 - 19:30

La Milano PhotoWeek rende omaggio alla città di Praga con due mostre fotografiche che rivelano l’atmosfera della loro epoca e testimoniano di vicende che sono imprescindibilmente parte della storia dell’Europa del 20° secolo. La mostra che include i due cicli fotografici intitolata “Da una primavera all’altra”, riunisce due primavere. La liberazione che ha avuto luogo nel maggio 1945, il periodo in cui Sudek ha realizzato i suoi scatti, e la Primavera di Praga, che porta questo nome in ricordo del breve periodo in cui è tornata la tanto desiderata democrazia poi interrotta e soffocata nell’agosto 1968 con l’arrivo delle truppe del Patto di Varsavia.

La mattina del 21 agosto 1968 i carri armati dell’esercito del Patto di Varsavia (Unione Sovietica, Bulgaria, Polonia, Ungheria e Repubblica Democratica Tedesca) invasero la Cecoslovacchia spegnendo le speranze nate con le riforme dei primi mesi di quello stesso anno. All’inizio del ’68, infatti, la Cecoslovacchia avviò un processo di democratizzazione non gradito al Partito comunista di Mosca che temeva la riacquisizione della piena sovranità politica del Paese e un conseguente collasso del blocco sovietico. Quello che doveva essere un avvertimento divenne, come sappiamo, una vera e propria occupazione. La mostra dedica un’ampia sezione alle fotografie del funerale di Jan Palach, lo studente diciannovenne che il 16 gennaio 1969 si diede fuoco davanti al Museo Nazionale in Piazza Venceslao. Morì dopo tre giorni di agonia. I suoi funerali furono una manifestazione anti-regime e il suo atto passò alla storia come simbolo della protesta contro l’occupazione militare sovietica. Una mostra Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale in collaborazione con il Centro Ceco di Milano e Expowall. A cura di Dana Kyndrovà e Pamela Campaner.

Piazza del Duomo, 12
Visita il sito di Palazzo Reale

Mostra aperta dal 5 al 24 Giugno. Orari: lunedì 14:30 – 19:30/ martedì, mercoledì, venerdì, domenica 9:30 – 19:30 / giovedì, sabato 9:30 – 22:30
Ingresso libero